Danaan's Sphynx Cattery


Vai ai contenuti

Standard

Lo Sphynx




La caratteristica più lampante dello sphynx è la nudità. Il grado di assenza di pelo e la qualità della pelle stessa varia a seconda degli esemplari; la maggior parte dei gatti ha un tipo di pelle volgarmente chiamata "peach", il cui nome rimanda subito al tipo di morbida e sottile peluria presente nella buccia delle pesche. Alcuni esemplari possono avere una pelle detta "rubber", che li rende alla vista molto nudi, e al tatto possono presentare solo lievi accenni di sottile strato di peluria. Lo standard di razza infatti cita espressamente che lo sphynx è un gatto dall'"apparenza di nudità" ma in realtà non è prettamente nudo essendo dotato infatti di bulbi piliferi (a differenza dei rarissimi Kohana, gatto nudo hawaiano).
Vi sono comunque alcuni rari esemplari con pelle "wax", dall'inglese cera, questi mici infatti hanno una pelle totalmente nuda in qualsiasi periodo dell'anno (salvo la doverosa peluria sul naso) e al tatto sembrano realmente della tiepida cera.Ogni tipo di pelle ha le sue peculiarità e ognuno, a suo modo, è molto particolare; solitamente gli esemplari più nudi sono anche quelli che si sporcano con più facilità e sono portati ad emanare in modo più importante la secrezione oleosa del corpo che si deposita fra le rughe. Un gatto "normale" perde il pelo, lo sphynx rilascia questo tipo di sostanza.

Un'altra peculiarità dello sphynx è quella di avere delle grandi orecchione: esse devono essere abbastanza larghe alla base e non posizionate "dritte" sulla testa ma nemmeno troppo lateralmente (stile Devon Rex invece). La testa deve apparire leggermente più lunga che larga, è un grave difetto infatti notare il cranio essere notevolmente più lungo che largo; per capirsi, uno sphynx con un muso lungo "stile siamese", cosa che purtroppo invece si riscontra spesso. Il profilo di questi gatti deve essere segnato da un break, ossia il naso non deve essere dritto ma avere una leggera pieghetta nel mezzo; non sfociando però nello "stop" dei devon rex, ossia un cambio di direzione del naso quasi a 90°.

Il corpo dei soggetti sphynx deve essere particolarmente muscoloso con un petto largo e ben delineato e delle zampe dall'ossatura forte; è richiesta anche una pancetta abbastanza prominente, tanto che alzando il micio per le zampe anteriori dovrebbe sembrare una "bottiglia di Perier". I maschi possono essere sorprendentemente pesanti e raggiungere in alcuni casi anche 5/6 chili. Questa caratteristica fuga ogni dubbio sulla conformazione generale dello sphynx; chiunque pensi sia un gatto longilineo come i gatti di tipo orientale dovrà quindi indirizzarsi su un'altra razza: uno sphynx bello e sano è un piccolo bulldog, che con gli anni tenderà anche ad ingrassare un pochino. Sono assolutamente fuori standard tutti quegli sphynx, purtroppo diffusi, che hanno un corpo molto magro, nevrile, ed elegante; questo ahimè è un errore di selezione dovuto in parte alla corsa alla nudità assoluta che aiuta la vendita del gattino, e in parte alla gracilità che certi allevamenti in batteria hanno purtroppo dato ad alcuni esemplari della razza. Se vi piace quindi un gatto longilineo ma nudo, optate per i chiacchieronissimi Peterbald.

Importantissima in questi gatti è anche la presenza di cuscinetti plantari molto "cicciotelli" che sembrano farli camminare su dei piccoli air-bag; guardando lo sphynx camminare vi sembrerà infatti quasi sospeso. Gli occhi di questi gatti sono anch'essi particolarissimi, di primo impatto si notano infatti dei vivacissimi ed espressivi occhi a forma di limone, ossia lievemente schiacciati rispetto ad un ipotetico cerchio e posizionati un po' obliqui sul muso, è importante però che non tendano a degli occhi a forma di mandorla (come invece il Don Sphynx, gatto nudo russo) ma rimanere ben aperti ed attenti.

Gli sphynx sono presenti in qualsiasi colore (eccetto quelli tipicamente attribuiti solo ad una razza specifica, vedi abissino o bengal, oppure i colori che si sviluppano sulla lunghezza del pelo, tipo smoke). Avremo quindi gatti dagli occhi gialli/verdi e dalla colorazione del corpo uniforme, ossia nei colori "classici" quali il nero, il rosso, il tartarugato (rosso/nero); nei rispettivi diluiti che sono blue, crema e blue/crema, tutti abbinati anche al tabby, il che vuol dire che ogni colore sopra citato potrà avere la sua espressione anche "tigrata". Essendo possibile anche l'aggiunta della pezzatura bianca, potremmo trovare gatti bicolori (50% colorati e 50% bianchi), harlequin (qualche macchia di colore su base bianca) o van (colore su testa, coda e al massimo una macchia sul corpo, il resto è completamente bianco).

Tutto questo marasma di colori si "complica" con l'aggiunta di quello che si chiama generalmente gene point (o thermal, in quanto questo tipo di gatto nasce completamente bianco, o meglio rosa, e poi mette il colore nei giorni, scurendo sempre più, mano a mano che il calore corporeo del gattino inizia ad essere inferiore a quello che aveva all'interno dell'utero materno. Ecco perché "colore termico"); questo gene fa sì che questi gatti presentino i caratteristici occhi azzurri che contraddistinguono gli esemplari di questa tipologia e fa oltremodo sì che il colore del corpo sia più scuro sulle estremità, o zone fredde (coda, zampe, muso, orecchie), rendendo l'intera pigmentazione del gatto più flebile di quella di un gatto dal colore uniforme (vedi ad esempio i gatti siamesi). Anche i soggetti point avranno comunque una base di colorazione "classica" (Nero, che in questo caso viene chiamato Seal; Rosso; Tartarugato; ecc…), la possibilità di essere tabby e la possibile presenza di pezzatura bianco.



Buon corpo massiccio, NON longilineoOttimo profiloBuone orecchie per apertura ma forma troppo triangolare ed appuntitaOttime orecchie in grandezza e formaBella forma degli occhiBuon mentoBuona definizione zigomi e pinchDelizioso rugaggio nella testaLe zampine palmate dello sphynxOttimo portabaffiBuon corpo con ossatura massiccia - Photo HelmiBuon corpo con ventre bombatoCorpo troppo longilineo


Di seguito vi riportiamo lo standard applicato dalla FIFe
(Federazione Felina Internazionale, a cui fa capo l'ANFI, che emana i pedigree dei gatti di razza per il MIPAF; Ministero dell'Agricoltura)




Taglia: media, straordinariamente pesante.


Forma: è un cuneo modificato con contorni arrotondati, leggermente più lunga che larga
Cranio: leggermente arrotondato con una superficie piuttosto piatta.
Profilo: stop da leggero a moderato, alla base del naso diritto.
Zigomi: prominenti.
Muso/Mento: muso forte, arrotondato; mento solido.
Baffi: spezzati, piuttosto spessi. O assenti.


Forma: grandi, larghe alla base ed aperte, leggermente arrotondate all'estremità. Il padiglione interno è completamente privo di peli. Una modesta quantità di peli sottili è permessa sul bordo esterno, alla base dell'orecchio.
Piazzamento: diritte, né basse né alte sulla testa; formano un angolo leggero.


Forma: a forma di limone, grandi, piazzati in obliquo verso il bordo esterno dell'orecchio. La distanza tra gli occhi è maggiore della dimensione dell'occhio stesso.
Colore: l'ideale si conforma alla tinta del mantello.


Di lunghezza media, bombato e muscoloso. Arcuato dalle spalle alla base del cranio. Robusto, specialmente nei maschi.



Struttura: mediamente lungo, sodo e muscoloso, non gracile. Ventre bombato ma non obeso. Petto ben sviluppato.


Lunghe, proporzionate al corpo. Quelle posteriori leggermente più lunghe delle anteriori. Zampe anteriori ben divaricate. Ossatura media, solida; muscoli ben sviluppati.
Piedi: ovali con dita prominenti, lunghe e sottili. Di taglia media. I cuscinetti plantari, più spessi che nelle altre razze, danno l'impressione che il gatto cammini su "cuscini d'aria"


Sottile, spessa alla base si affina verso l'estremità. Lunghezza proporzionata al corpo. La "coda da leone" (con un ciuffetto di peli all'estremità) è accettata.


Sembra non aver peli, ma potrebbe essere coperto da un corto e sottile sottopelo. Ciuffi ci pelo all'estremità della coda sono permessi.
Tessitura: scamosciata al tocco; può essere avvertita una sensazione di resistenza quando si accarezza la pelle di qualche soggetto.
Rughe: è desiderata una pelle rugosa, soprattutto attorno al muso, tra le orecchie e attorno alle spalle. Tuttavia, le rughe non devono impedire le normali funzioni del gatto.
Colore: tutti i colori sono accettati, inclusi i mantelli con bianco. Tutte le quantità di bianco sono permesse.


Il gatto non deve essere di taglia piccola o gracile. I maschi possono essere sorprendentemente grandi e lunghi a condizione che le proporzioni siano mantenute.
Lo Sphinx è molto gentile, vivace, intelligente e soprattutto facile da maneggiare.


Testa: profilo diritto, testa stretta, mancanza di rughe sulla testa.
Corpo: troppo piccolo, gracile, esile o mancante di tono muscolare. Corto e compatto o di tipo "orientale".
Pelo: presenza di pelo al di fuori delle zone precedentemente descritte. La presenza di pelo ondulato che ricordi quello del Devon o del Cornish rex in muta, non è accettata. Evidenze di rasatura.




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Torna ai contenuti | Torna al menu